home

CSP TECHNOLOGY
COME CATTURARE LA FORZA
DELL’ IRRADIAMENTO SOLARE

 

01. SOLAR FIELD

 
 

SOLAR FIELD

Il campo solare permette di utilizzare l’energia radiante del Sole, concentrata dagli specchi sul tubo ricevitore nel quale scorre un fluido termovettore o Heat Transfer Fluid (HTF) che trasporta l’energia in 2 serbatoi dai quali viene poi prelevata.

FLUIDO TERMOVETTORE
(HTF, Heat Transfer Fluid)

Il fluido che viene riscaldato nei tubi ricevitori è costituito da una miscela binaria di Sali fusi:
– NaNO3 (nitrato di sodio) al 60% in massa;
– KNO3 (nitrato di potassio) al 40% in massa.
Tale miscela è stabile fino ad oltre 620°C. L’utilizzo della miscela selezionata permette di ottenere un costo di produzione dell’energia elettrica più basso rispetto agli impianti tradizionali che impiegano olio diatermico come fluido termovettore, perché permette un utilizzo per più tempo della turbina, che raggiunge anche un maggior rendimento per effetto della più alta temperatura del vapore

 
 

02. TES (Thermal Energy Storage)

 
 

SERBATOI DI ACCUMULO

Il sistema di accumulo immagazzina l’energia termica, prodotta in quantità proporzionale alla superficie captante degli specchi del campo solare, durante il giorno nel periodo d’insolazione e la rende disponibile al ciclo termico, per produrre energia anche di notte e/o nei periodi di bassa insolazione, consentendo una immissione in rete secondo convenienza.

 
 

03. STEAM GENERATOR

 
 

GENERATORE DI VAPORE

I Sali Fusi caldi a 550ºC vengono prelevati dal serbatoio (Hot) e avviati ad un generatore di vapore producendo un vapore a 550ºC invece che a 390ºC come quello ottenibile partendo da olio diatermico. I Sali Fusi, dopo aver attraversato il Generatore di vapore, ritornano in un secondo serbatoio (Cool) con un salto termico di circa 260ºC, per poi rientrare in circolo nel campo solare.

 
 

04. POWER BLOCK

 
 

SISTEMA CONVENZIONALE DI PRODUZIONE ELETTRICA

Il power block trasforma l’energia termica in energia elettrica attraverso il raffreddamento del fluido termovettore che cede la sua energia termica. Viene quindi prodotto del vapore che si utilizza per alimentare una turbina a vapore. Quest’ultima mette in movimento un alternatore che produce energia elettrica da immettere in rete.